Prossimi Appuntamenti

Ven Dic 15
Malanova
CASTELVETRANO
Sab Dic 16
Malanova
CASTELVETRANO
Dom Dic 17
Malanova
CASTELVETRANO
Lun Dic 18
Malanova
NOTO
Mar Dic 19
Malanova
FERRARA
Mer Dic 20
Mi Consumo Ergo Sum
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE
Gio Dic 21
Malanova
PAVULLO

Share !

Follow Us

Ture Magro

Ture Magro

Mercoledì, 13 Aprile 2016 09:01

MALANOVA TOUR

MALANOVA,

di TURE MAGRO e FLAVIA GALLO

Scene e luci di LUCIO DIANA

Tratto dal libro Malanova di Cristina Zagaria e Anna Maria Scarfò

 

IL TUOR APRILE MAGGIO 2016

 

 

Mercoledì, 13 Aprile 2016 08:44

Cenni di Rassegna Stampa - Malanova

MALANOVA, CENNI DI RASSEGNA STAMPA.

 

Ha avuto inizio il viaggio di Malanova, ultima produzione della compagnia SciaraProgetti, di TURE MAGRO e FLAVIA GALLO, scene e luci LUCIO DIANA. Tratto dal libro Malanova di Cristina Zagaria e Anna Maria Scarfo edito da Sperling & Kupfer.

 

Torino, Taranto, Giarre, Fidenza sono alcune delle tappe, se non l'avete ancora visto, vi segnaliamo alcuni cenni di rassegna stampa.

 

Malanova, un forte e commovente lavoro

DONATA MENEGHELLI, dal quotidiano LA LIBERTA’

 

 

 

“Non è uno spettacolo d’evasione. No. Ma è teatro. Teatro puro. Quel teatro che ti incolla alla sedia, ti toglie il fiato, ti arriccia il cuore e lo stomaco…

 

che ti manda a casa con la testa piena di domande.

 

“Malanova” è una storia di coraggio e di speranza, una storia d’amore. Una storia che dovrebbe correre veloce. Una storia che fa male, ma non fa paura, perchè finisce bene e può dare forza a chi non ne ha. E’ una storia che chiede all’Italia di non chiudere gli occhi, ma di avere il coraggio di cambiare. Soffrendo sì, ma per cambiare.

 

Questa è una storia che riguarda tutti. Il miracolo di questo spettacolo, curato da Sciara Progetti, è parlare di donne e di violenza e mettere al centro dell’attenzione sotto le luci bianche il corpo e il cuore di un uomo. Ribalta tutte le discussioni fatte fino ad ora. Capovolge ogni punto di vista maschile e femminile fino ad ora affrontato” 

CRISTINA ZAGARIA, del quotidiano LA REPUBBLICA

 

Venerdì, 22 Gennaio 2016 11:23

Seguiteci in tournée

"Viandante sono le tue impronte la via e nulla di più"

 

Stiamo seminando tante impronte lungo il cammino.

Seguiteci nella tournée dello spettacolo "Padroni delle nostre vite" tratto dalla storia di Pino e Marisa Masciari, e dello spettacolo "Malanova" ultima produzione di SciaraProgetti.

Ci incontriamo lungo il cammino! 

A presto

Condividiamo qualche immagine della nuova produzione di SciaraProgetti:

 

Malanova:

Con: Ture Magro

Scene e Luci: Lucio Diana

Drammaturgia: Ture Magro, Flavia Gallo

Una produzione SciaraProgetti in collaborazione con il Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda 

 

"Lo spettacolo usa tutti i codici del linguaggio del teatro: la parola, ben calibrata, in una drammaturgia riuscita ( scritta da Ture Magro con Flavia Gallo), ma anche la scena ideata dal grande scenografo Lucio Diana tra i fondatori di Teatro Settim, che sceglie di porre al centro della scena una gabbia " Donata Meneghelli

Lunedì, 11 Gennaio 2016 16:30

Malanova

Anno 2015

Con: Ture Magro

Scene e Luci: Lucio Diana

Drammaturgia: Ture Magro, Flavia Gallo

Una produzione SciaraProgetti /  Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda 

 

Cosa è una malanova? È una cattiva notizia. Qualcosa che avresti voluto non sapere. Chi è Malanova? Una ragazzina. La sua storia ce la racconta un giovane uomo, Salvatore, che ricorda di averle voluto bene, di averla desiderata e di averla ritrovata dentro ad una storia di violenza squallida e sconvolgente. Salvatore attraversa a piedi piazze e i vicoli stretti, ascolta le donne parlare di matrimoni, battesimi e funerali, partecipa alle feste ed ai riti di sempre, e si interroga sulle cose viste e sentite, sul rispetto, sull'onore.


Non lo sentirete raccontare l'atto della violenza in sé “perché la ferocia di una violenza e quello che si prova a subirla non è fatta per le parole.” Salvatore vi racconterà quello che è successo prima e dopo, vi porterà nel suo mondo per mostravi come si costruisce nelle parole, nei comportamenti condivisi, nei silenzi la sofferenza di un altro di cui noi non siamo gli esecutori materiali ma siamo gli autori occulti, i mandanti inconsapevoli. 
Salvatore vi farà partecipi di quel sopruso più sottile, subdolo, sotterraneo che passa per i gesti di tutti, che si muove attraverso una parola che mal nutre una mentalità incarnata, quasi impossibile da scorporare.  Quasi impossibile.

Malanova è il tentativo fatto a quattro mani da due autori teatrali, un uomo ed una donna, che hanno deciso di non nascondere mai la propria stessa fragilità, perfettamente in accordo nel voler trasformare la retorica della denuncia in una indagine al maschile, un’esplorazione edipica sulla responsabilità, sulla convivenza e sull’essere coinvolti, come esseri umani, in una trama di fondo che ci rende tutti ugualmente responsabili della vita degli altri. 

Malanova, storia cruda e inenarrabile, ma edificante come tutte le storie compiute e non puramente celebrative o provocatorie, è stata resa pubblica nei suoi particolari di cronaca nell’omonimo romanzo scritto dalla giornalista Cristina Zagaria e da Anna Maria Scarfò, edito dalla Sperling & Kupfer. Noi l’abbiamo portata sul palcoscenico di un teatro non come vicenda appartenente al Sud Italia ma come una storia d'Italia, presa per intero, non cosa lontana di quel paese laggiù, ma del nostro Paese in ogni suo dove. Una vicenda che si muove attorno a chiunque di noi e che ci chiede occhi per essere vista.

Condividiamo il bellissimo articolo sul progetto La Scuola Si-Cura. SciaraProgetti sta coordinando l'evento conclusivo a Milano, protagonista della serata il libro "Rosa Noce" di Sergio Infuso. 

Ecco di seguito il programma della serata

 

 

28 ottobre 2015, ore 18:30!
Sala Alessi,
Palazzo Marino
Milano

Programma:

 
Ore 18.30 Presentazione del progetto
Ore 18.45 Performance Teatrale

Fase conclusiva del laboratorio condotto dalla compagnia teatrale SciaraProgetti con gli studenti dell’Istituto Comprensivo Via De Andreis


Ore 19.30 Incontro con gli ospiti presenti e confronto con il pubblico sul tema:
“cittadinanza attiva a Milano e a Palermo”


Ore 20.15 presentazione del libro “Rosa Noce”
Intervento dell’autore Sergio Infuso e lettura dei brani interpretati dall’attore Ture Magro


Ore 20.45 Saluti conclusivi
interventi dei Dirigenti del IPSEOA “Vespucci” e dell’ICS “Via De Andreis”
Interverranno:

Loredana Bigatti, Presidente del Consiglio di Zona 4
Renato Sacristani, Presidente del Consiglio di Zona 3
Rita Borsellino, Europarlamentare, co-fondatrice dell’Associazione Libera
Leo Nodari, Presidente del Premio Nazionale Paolo Borsellino
Luigi Costanzo, Presidente Commissione Educazione del Consiglio di Zona 4
Andrea Cusumano, Assessore alla Cultura del Comune di Palermo
Barbara Evola, Assessore alla scuola e alle realtà dell’infanzia del Comune di Palermo
David Gentili, Presidente Commissione consiliare Antimafia Comune di Milano
Francesco Cappelli, Assessore all’Educazione del Comune di Milano
Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo
Giuliano Pisapia, Sindaco di Milano

 

Venerdì, 23 Ottobre 2015 11:02

LA SCUOLA SI-CURA - Comunicato Stampa

LA SCUOLA SI-CURA 
28 Ottobre 2015 SALA ALESSI, Palazzo Marino 
MILANO

 

Il 28 ottobre 2015 alle ore 18:30 presso la sala Alessi di Palazzo Marino si conclude il progetto che ha visto l'Istituto Comprensivo Statale “VIA DE ANDREIS” e IPSEOA “Vespucci” di Milano protagonisti del percorso La Scuola Si-Cura, un modello teorico e pratico frutto di una vera e propria ricerca/azione sul campo, coordinato in collaborazione con la compagnia teatrale SciaraProgetti.
L’azione finale, progettata a conclusione delle varie attività che sono state portate avanti tra marzo e ottobre 2015, prevede un significativo gemellaggio tra il Comune di Milano e il Comune di Palermo. Il progetto si sviluppa a partire da una riscrittura del libro “Rosa Noce” scritto dall'autore palermitano Sergio Infuso, edito da Navarra Editore.

Segnaliamo il Comunicato Stampa e il Programma della giornata.

 

Mercoledì, 16 Settembre 2015 15:13

IN ARRIVO UNA NUOVA PRODUZIONE DI SCIARAPROGETTI

SciaraProgetti è a lavoro su un nuovo spettacolo, il titolo? MALANOVA.

La nuova produzione di SciaraProgetti è tratta dal libro Malanova, edito da Sperling Kupfer Editori Spa, scritto da Anna Maria Scarfò e da Cristina Zagaria giornalista del quotidiano La Repubblica. La compagnia SciaraProgetti ha acquistato i diritti di rappresentazione teatrale per tutto il territorio mondiale. La drammaturgia è a cura di Ture Magro e Flavia Gallo, interprete in scena Ture Magro. Lo spettacolo nasce con il sostegno di vari partners che non sveliamo ancora.

Molto presto altri aggiornamenti!

 

Al rietro dal  Festival Internazionale Castel dei Mondi condividiamo un articolo del Corriere del Mezzogiorno sullo spettacolo "Padroni delle nostre vite" e una bella recensione di Nicola Delnero di Paper Street

 

La mafia è un’entità ambigua, molto ambigua: siamo consapevoli della sua esistenza e al contempo quasi tutti decidiamo di ignorarla. In fondo, è più semplice voltarsi a guardare dall’altra parte piuttosto che rischiare di rimanere immischiati. Ma se si diventavittime in prima persona di questa organizzazione? Le opzioni a questo punto diventano due: l’accondiscendenza o lalotta. Già, la seconda alternativa sembrerebbe la più ragionevole, se non si considera che “non ci si ribella alla ‘ndragheta, e chi lo fa paga”.

Tra le persone che hanno scelto la strada più impervia c’è Pino Masciari, imprenditore edile calabrese che ha avuto il coraggio di non cedere alle oppressioni dei criminali e di reagire con tutte le proprie forze contro il sistema marcio, portandolo sostanzialmente a vivere da fantasma in “un’apatia senza uscita”. Masciari, infatti, si oppone ai continui ricatti ricevuti e decide di diventare oggetto, a metà degli anni Novanta, di un programma di protezione speciale

L’inadeguatezza di uno Stato sprovveduto, però, lo costringe a vagare per la penisola italiana, a cambiare repentinamente dimora e a scontrarsi costantemente con le forze dell’ordine che stentano a capire la differenza tra testimone di giustizia e pentito. Una vita, o meglio, un calvario sconvolto dalla burocrazia grigio-scura statale e culminato con i processi che hanno portato alla cattura di ben 42 criminali. Dalla sua vita eroica e dal suo libro, scritto a quattro mani con sua moglie, Organizzare il coraggio, è tratto Padroni delle nostre vite di Ture Magro. Prodotto dalla compagnia Sciaraprogetti, la messinscena ha conquistato il Premio del Pubblico al Roma FringeFestival 2013 e il Premio Festival Castel dei Mondi all’Apulia Fringe Festival.

L’attore è solo sul palco, circondato da tre maxischermi sui quali vengono proiettati dei volti con cui interagisce costantemente. Sono i volti, interpretati da dieci attori, deicriminali, smaniosi di inglobare l’imprenditore nei loro progetti; dei suoi concittadini, sempre pronti a scoraggiare ogni tipo di ribellione; dei poliziotti, incapaci di tutelarlo a dovere. 

In un crescendo emotivo l’attore mette in scena la parabola esistenziale dell’imprenditore: esordisce con un approccio quasi fiabesco di Masciari in tenera età, ma la felicità spensierata lascia subito spazio all’oppressione, alla speranza, alla paura e alla rabbia. Un percorso a tappe ben governato da una prova attoriale empatica e altamente coinvolgente.

Un esempio di teatro civile che, vista la semplicità della messa in scena, non può essere recluso al solo edificio teatrale, ma andrebbe esportato in luoghi differenti dove sia possibile condividere e far conoscere una storia atta a sensibilizzare gli animi.

 

 articolo andria corriere

PADRONI DELLE NOSTRE VITE,

VINCITORE DELL' APULIA FRINGE FESTIVAL 2015

PARTECIPA AL FESTIVAL CASTEL DEI MONDI 2015 DI ANDRIA

 

 

23 AGOSTO 2015 ORE 21.00 

AUDITORIUM P. CHICCO ANDRIA

 

 

 

Testo: Ture Magro, Emilia Mangano.

Con Ture Magro.

Attori virtuali: Cosimo Coltraro, Emanuele Puglia, Fiorenzo Fiorito, Gabriele Arena, Stefano Brivio, Rosario Minardi, David Marchese, Alfio Zappalà.

Progettazione scena RM Architettura.

Scenografia set video Andrea Salomon.

Produzione e post produzione video StudioNois.

Fotografia video Giuseppe Consales.

Regia Ture Magro. 

Produzione: SciaraProgetti

 

 

Italia, anno 1994. Pino Masciari, imprenditore tra i più importanti del sud Italia, racconta la sua storia, da quando era bambino e seguiva il padre nei cantieri, a quando avvia la sua azienda, fino al momento in cui decide di non cedere alle richieste estorsive di ‘ndranghetisti e denuncia i suoi estorsori. Registra e fotografa in maniera attenta le minacce ricevute non solo di mafiosi ma anche di politici e, fornendo prove incontestabili, mette in luce un sistema di corruzione diffusa che parte dal piccolo delinquente locale, per arrivare ai livelli più alti della politica italiana. Pino ha 34 anni è sposato con Marisa e i loro due bambini sono nati da poco. Pur di salvare la vita della sua famiglia deve chiudere l’azienda creata con tanto sacrificio e coraggio ed è costretto ad abbandonare la sua terra. Entra nel programma speciale di protezione italiano perché a rischio di morte e vive per anni come un nomade. Pino pretende giustizia e trovando uno Stato impreparato, denuncia la condizione in cui vengono tenuti i testimoni di giustizia in Italia e lotta per fare ritorno nella sua terra. Si presenta a tutti i processi, fa arrestare decine di mafiosi, riuscendo a far incriminare anche alcuni esponenti della politica italiana. Lo spettacolo ci racconta dell’Italia di oggi e delle sue battaglie contro la criminalità organizzata, ci racconta dei suoi cittadini onesti costretti a lottare pur di ottenere i propri diritti.

www.sciaraprogetti.com

Biglietto - intero 8 euro | ridotto 6 euro (fuori abbonamento).

Pagina 3 di 5

Calendario articoli

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookie di terze parti per migliorare il nostro sito e l'esperienza degli utenti. Per sapere di più sui cookies e come gestirli, visita la pagina privacy policy.

Accetto cookies da questo sito.