Prossimi Appuntamenti

Mar Mag 09
Malanova
IVREA
Mer Mag 10
Malanova
MONTICHIARI
Gio Mag 11
Malanova
DESENZANO
Ven Mag 12
Malanova
CASTIGLIONE
Lun Mag 15
Malanova
LONATO
Mar Mag 16
Mi consumo ergo sum
LONATO
Mer Mag 17
Malanova
OVADA
Sab Giu 03
S.H.O.W. Respect!
FIORENZUOLA D'ARDA
Dom Giu 04
S.H.O.W. Respect!
FIORENZUOLA D'ARDA
Lun Giu 05
S.H.O.W. Respect!
FIORENZUOLA D'ARDA

Share !

Follow Us

Venerdì, 28 Marzo 2014 08:51

Recensione su rappresentazioni Roma marzo 2014

Scritto da 

Riportiamo una recente recensione di Maresa Retica e Massino Stinco che hanno assistito allo spettacolo "Padroni delle nostre vite" a Roma Teatro Arvalia 18 marzo 2014

http://www.ilgrido.org/teatro/schede/padroni_delle_nostre_vite.htm

 

«Un esempio altissimo di teatro civile, un testo che andrebbe letto, studiato e visto in scena da tutti» [teatro.org]

Padroni delle nostre vite”, tratto dalla storia vera di Pino e Marisa Masciari, condensa in azione scenica quasi 15 anni di vita dei coniugi calabresi che, armati solo di coscienza e coraggio, hanno intrapreso e portato avanti una strenua battaglia contro la più spietata e pervasiva delle mafie, la ‘ndrangheta calabrese.

Ture Magro, attore e regista, dialoga con forza e partecipazione con il pubblico e gli attori virtuali presenti su tre schermi, protestando, urlando, rappresentando anche fisicamente la propria battaglia, dapprima contro i mafiosi, poi anche con le spersonalizzanti e cieche strutture statali; queste ultime muovono lui e la famiglia come una semplice pratica burocratica, di fatto negando i più elementari diritti (come quello all’identità). Fino ad abbandonarli di fatto nel momento più critico. Tutti i personaggi secondari (mafiosi, giudici, carabinieri), con abile scelta registica, compaiono esclusivamente in proiezione filmica, privi di consistenza, quasi a sottolineare l’unica realtà materiale (e spirituale) del protagonista schiacciato dagli ingranaggi della criminalità e della politica.

La forza del dramma umano raggiunge con rara efficacia la platea, coinvolgendola emotivamente e interrogandone la coscienza, senza scomodare facili retoriche o esporre tesi politiche. La bravura del protagonista fa invece vivere la vita di un uomo che vuole semplicemente ciò che gli spetta, tanto basta a caratterizzare un dramma di impegno civile. Quanto mai lodevole l’apporto del teatro diretto da Emanuele Faina per rendere accessibile un testo toccante e impegnato, premiato recentemente come “Miglior Spettacolo” al Festival Inventaria 2013 - Teatro Dell’Orologio Roma e vincitore anche del Premio del Pubblico al Roma Fringe Festival 2013, che trascende la dimensione del teatro per diventare vera educazione civica. [maresa retica, massimo stinco]

 

IL VIAGGIO CONTINUA...

Letto 33521 volte Ultima modifica il Venerdì, 28 Marzo 2014 08:59

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Calendario articoli

« Aprile 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookie di terze parti per migliorare il nostro sito e l'esperienza degli utenti. Per sapere di più sui cookies e come gestirli, visita la pagina privacy policy.

Accetto cookies da questo sito.